La storia di Socialfood

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
La storia di #socialfood e perchè nasce.

A chi si rivolge?

L’emergenza Covid-19 ha messo la popolazione italiana in un stato di allerta dal punto di vista sanitario sia dal punto di vista economico, con importanti ricadute in ambito sociale, che hanno coinvolto soprattutto le fasce che già vivevano in condizioni di bisogno, di povertà e di isolamento.

Pacco Alimentare, con le sue iniziative, sono lo strumento ideale che permette di far fronte ai molteplici bisogni delle persone, in particolar modo di quelle più fragili.

Operatori servizi sociali o Enti e Famiglie

Ideale per i Comuni e le Associazioni. Dedicato a coloro che vogliono adottare una soluzione concreta per i propri cittadini in difficoltà. Reddito basso o alto, tutte le famiglie che vogliono programmare al meglio la spesa alimentare.

Perché questa iniziativa?

ALIMENTAZIONE E SALUTE SONO COLLEGATE?

Nell’ordinamento italiano, la fonte primaria in materia di diritto alla salute è la Costituzione. Nell’articolo 32 comma 1 è stabilito che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”

Le fondamentali “regole” da seguire per una sana alimentazione, al fine di conservare un benessere prolungato per tutto l’arco della vita, sono poche e semplici. La prima regola è che nessun alimento – eccezion fatta per allergie o intolleranze – dovrebbe essere escluso da una corretta dieta (il termine deriva dal greco δίαιτα = abitudine, modo di vivere, regola) che, come la gloriosa “Dieta Mediterranea”, deve essere ricca di alimenti, completa e varia.

Pacco Alimentare

Pacco Alimentare

Condividi questa notizia per primo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su print

Se ti è piaciuto condividi questo articolo sui social e lasciaci un tuo commento.

Back to top